Home » Ambiente » MODIFICANO LA TAV BRESCIA-VERONA SENZA DIRE NIENTE AI CITTADINI.

MODIFICANO LA TAV BRESCIA-VERONA SENZA DIRE NIENTE AI CITTADINI.

A CHE GIOCO STANNO GIOCANDO LOTTI, DEL BONO E MAZZONCINI?

Cari ministro Lotti, sindaco Del Bono e a.d. di FS Mazzoncini, quando pensavate di dire ai cittadini che i nuovi espropri delle loro case per fare spazio all’inutile piccola opera TAV Brescia-Verona sono praticamente cosa fatta?

Sembra incredibile ma è successo davvero. Abbiamo appreso solo dalla stampa, con le recenti dichiarazioni dell’Amministratore Delegato del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Renato Mazzoncini e del sindaco di Brescia Emilio Del Bono, che sarebbero definitivi lo stralcio dello “shunt” di Montichiari, il quadruplicamento della linea in uscita dalla città di Brescia e l’avvio dei cantieri nella zona del Garda già a fine estate. Il tutto con l’approvazione del progetto definitivo entro giugno da parte del CIPE, il Comitato interministeriale per la programmazione economica che fa capo al Ministro Lotti (quello indagato per Consip).

Peccato che dell’ordine del giorno del CIPE ancora non vi sia traccia. Nessuna modifica risulta ancora agli atti. Forse Lotti l’ha “gentilmente” anticipata a Mazzoncini? E il nostro sindaco che fa, nasconde la testa sotto la sabbia e lascia fare come al solito?

Insomma pare che questi signori abbiano già deciso tutto. Dove sono i cittadini in tutto questo? Quando pensavate di coinvolgerli in una modifica così rilevante del progetto TAV, un progetto già di per sé inutile per la mobilità e i trasporti, costoso per i cittadini e dannoso per l’ambiente?

Esigiamo rispetto per chi verrà espropriato di una parte della propria vita! Le reiterate dichiarazioni di FSI e del sindaco Del Bono a sostegno degli interessi economici che girano attorno a quest’opera inutile stanno esasperando il clima in città.

I cittadini di Brescia e provincia devono essere informati per tempo e coinvolti nelle decisioni che riguardano il loro territorio. Le nuove modifiche vanno sottoposte alla valutazione d’impatto ambientale, non decise e ratificate nel chiuso di una stanza con l’obiettivo del profitto ad ogni costo.

Lascia un Commento