Home » Ambiente » Caffaro: Noi #VeLoAvevamoDetto!

Caffaro: Noi #VeLoAvevamoDetto!

Dal Sindaco Del Bono e dall’assessore Fondra sempre e solo balle!

Dopo che il PD ha spacciato per nuovi fondi cifre già stanziate dal ministero dell’ambiente, e per “proposta del Commissario Moreni”, lanciato l’infelice idea di ridurre il perimetro del SIN Caffaro, dal ministero arriva ora una nota che rimette in riga questi figuranti della politica locale.

La Lettera che il Ministero dell’Ambiente recapita a Marino Ruzzenenti non lascia spazio a interpretazioni: al commissario straordinario Moreni non sono attribuiti “poteri di impulso in merito alla procedura di riperimetrazione del Sin”, in altre parole il Sig. Moreni non può svegliarsi la mattina e decidere di chiedere una riduzione dell’estensione del Sito di Interesse Nazionale Caffaro!
Ma non solo, il Ministero ribadisce che tra i “principi e criteri” che la legge prevede per la perimetrazione di un Sin “non è configurato alcun parametro economico”.

Il Ministro dell’ambiente non si sveglia una mattina e decide le dimensioni dei Sin in base ad una convenienza economica, ne tanto meno se esistono o meno le coperture economiche per fare la bonifica del sito.
Infatti il Ministero sottolinea che “non sarebbe configurabile una riperimetrazione del Sin di Brescia esclusivamente in ragione di una scarsa disponibilità di finanziamenti pubblici destinati alla bonifica del Sito”; in altre parole un’area è considerata contaminata e quindi necessita di una bonifica indipendentemente dalla disponibilità finanziaria dell’ente pubblico incaricato alla bonifica.

Sono concetti basilari, elementari e pare ridicolo che lo stesso Ministero dell’Ambiente debba ricordarli al Sindaco Del Bono e al Commissario Straordinario, come se non sapessero quali sono i loro compiti ed i limiti del loro mandato.

Noi ormai siamo convinti che il Sig. Moreni non sappia più che pesci pigliare, dopo oltre un anno dal suo insediamento stiamo ancora aspettando il piano generale delle bonifiche, l’unico atto che permette ad oggi lo sblocco dei fondi, quelli veri, necessari alla bonifica, quella vera.

Lascia un Commento