Home » Ambiente Brescia » Centrale Turbogas Duferco, Regione Lombardia conferma i nostri dubbi

Centrale Turbogas Duferco, Regione Lombardia conferma i nostri dubbi

Centrale Turbogas Duferco, Regione Lombardia conferma i nostri dubbi: quell’impianto non ha necessità di esistere secondo i programmi di TERNA.

Regione Lombardia ha risposto ad una mia interrogazione circa il progetto di costruzione della centrale termoelettrica della ditta Duferco nel comune di Nave, confermando tutti i miei dubbi.

Secondo i piani di sviluppo di TERNA, gestore della rete di trasmissione elettrica nazionale, non c’è necessità di nuovi impianti di produzione di energia elettrica.

Questo quanto scritto da Regione Lombardia: “Dalla prima lettura dei contenuti del Piano emerge l’assenza di previsione di interventi per la realizzazione di nuovi impianti di produzione che concorrano ad immettere una potenza aggiuntiva.
Gli interventi previsti sul territorio regionale si riferiscono a razionalizzazione e potenziamento della rete ovvero sono interventi di realizzazione di nuovi nodi della rete per far fronte a sovraccarichi, ridurre criticità e incrementare sicurezza e resilienza.”

Questo è un durissimo colpo per il progetto Duferco e confido che Regione Lombardia nel suo parere di competenza al Ministero dell’Ambiente faccia sentire e pesare le proprie ragioni contro questo impianto.

Ma c’è di più. Interpellando la stessa TERNA attraverso il Ministero dello Sviluppo Economico ho ricevuto ulteriore conferma di quanto sostengo.
Secondo il gestore “una indicazione più precisa della localizzazione e delle ore di funzionamento dei singoli impianti non è possibile in via previsionale in quanto influenzata dalla localizzazione della nuova capacità FER, prevedibile solo con una significativa incertezza dovuta alle scelte imprenditoriali dei promotori delle iniziative ed ai processi di autorizzazione dei progetti stessi, e dalla localizzazione e caratteristiche tecniche dei nuovi sistemi di accumulo necessari per la piena integrazione delle FER.” e aggiunge “d’altra parte il livello di interconnessione all’interno delle macro aree è tale da ‘assorbire’ diversi assetti di localizzazione della capacità produttiva assicurando in ogni caso il soddisfacimento delle esigenze di risorse in termini di adeguatezza e sicurezza previste in ciascuna area con la installazione richiesta nella stessa.”

Tradotto: per TERNA non c’è alcuna necessità di un impianto a turbogas da realizzarsi nel Comune di Nave. In altre parole, non vi è alcuna “pubblica utilità” nel progetto proposto da Duferco ma semplicemente un mero fine speculativo e commerciale.

Inoltre in base alla zonizzazione regionale il comune di Nave si trova nell’agglomerato di Brescia, ossia nella cosiddetta “Fascia 1” del territorio regionale, cioè la fascia più critica dal punto di vista ambientale.

Ebbene in questa area Regione Lombardia nella DGR IX/3934, ha vietato “..la costruzione e l’esercizio di nuovi impianti dedicati unicamente alla produzione di energia elettrica per scopi commerciali”.

Abbiamo contestato l’ambiguità delle parole “per scopi commerciali”, che potevano far venire meno i divieti, e Regione Lombardia ha ammesso che quelle parole sono poco chiare e la delibera deve essere chiarita e modificata, cosa che chiederemo alla prima occasione utile.

Intanto godiamoci questa piccola vittoria in attesa che anche il Ministro Sergio Costa possa giungere alla stessa nostra conclusione: quell’impianto non ha motivo d’esistere.

Lascia un Commento