Home » Europa » Germania: in migliaia manifestano contro le misure di lockdown

Germania: in migliaia manifestano contro le misure di lockdown

Come ogni weekend, in molte città della Germania, si torna a protestare contro le misure di lockdown decise dal governo tedesco.


Berlino, Monaco, Francoforte, Amburgo, Lipsia, Hannover, solo per citare alcune città dove migliaia di tedeschi stupidamente sfidano forze dell’ordine in tenuta anti sommossa e il virus per chiedere la riapertura totale di tutto.

Sfilano al motto di: “Vaccini no grazie”, “Diritti fondamentali e teorie della cospirazione” e “Gestione costruttiva della crisi della corona”.
Sono convinti che il Corona virus non esista e una parte di questi, addirittura, che sia un complotto orchestrato non si sa bene da chi.

Manifestazioni di questo genere si possono vedere solo in un Paese che NON HA MAI VISTO UN VERO LOCKDOWN perché non ha mai visto e provato sulla propria pelle gli effetti devastanti di un virus che si è già portato via oltre 300.000 persone nel mondo con oltre 4 milioni di casi accertati e che lascerà danni permanenti in molti di coloro che riusciranno a vincerlo.

La fortuna e al tempo stesso la sfortuna della Germania è propria questa: nonostante l’elevata aggressività di questo virus, ha causato “solo” 8.000 morti contro gli oltre 31.000 dell’Italia. La sola Lombardia ha il triste primato di aver doppiato il numero di morti di tutta la Germania. 10 milioni di abitanti contro 80 milioni di abitanti.

Questa bassa letalità del virus, frutto evidentemente di una gestione della macchina sanitaria efficiente ed efficace, ha portato il Governo federale e quelli regionali ad adottare misure restrittive meno rigide di quelle adottate in Italia.


Va da se che in Germania non vi è mai stata una vera e propria quarantena ne regionale ne nazionale: si poteva circolare liberamente prestando attenzione a non fare assembramenti, controlli inesistenti e l’autocertificazione mai adottata, cose che invece ha fatto l’Austria.
Dal 4 maggio hanno riaperto tutte le attività commerciali e da questa settimane anche la grande distribuzione e le attività che svolgono servizi alla persona (parrucchieri).

Sempre da questa settimana sono riaperti bar e ristoranti dopo un periodo di chiusura poco superiore al mese.
Non hanno mai chiuso i cantieri, sia privati che pubblici.
Insomma, la quarantena in Germania la si è fatta un po come una vacanza.

Nulla a che vedere con quello successo in Italia. Proprio per questo motivo vedere le immagini delle manifestazioni “pro Corona” fa tanta tanta rabbia.


In Italia solo due incoscienti come Salvini e Meloni possono pensare di cavalcare il ragionevole e legittimo malcontento della popolazione dopo oltre due mesi di quarantena, invocando la piazza per protestare e non si sa bene contro chi o cosa!


Fortunatamente se in Germania i partiti politici si sono rilevati più lungimiranti dei propri cittadini, infatti nessun gruppo politico sembra aver assecondato le manifestazioni, non possiamo dire lo stesso in Italia dove queste stupide iniziative sembrano partire proprio dai partiti politici!


Spero solo che i cittadini siano più coscienziosi di questi due sciacalli e li lascino a sbraitare il loro populismo da soli in piazza.

Lascia un Commento