Home » Sanità » Lockdown e fake news
ISPI - Casi di Covid attivi plausibili in Italia

Lockdown e fake news

Oggi mi è toccato leggere pure questo: https://bit.ly/2yp7Eik secondo questo gruppo di ricercatori il lockdown non servirebbe a nulla!

In parole povere hanno sviluppato delle previsioni ovvero funzioni matematiche partendo dai dati cinesi scoprendo che queste funzioni sono identiche per tutti i Paesi.

Hanno scoperto che sono i primi 17 giorni a determinare l’andamento della curva e quindi la corrispondenza tra dati “reali” e previsione non dipenderebbe da quanto intensive sono state le misure restrittive adottate dai vari governi durante l’epidemia.

Ne consegue per loro che in Italia avremmo potuto evitare qualunque misura di contenimento ulteriore a quelle messe in atto nei primi 17 giorni, quindi potevamo lasciare tutto aperto come ha fatto la Germania. (primo grafico)

Ai ricercatori però è sfuggito un piccolo particolare: il numero reale di casi positivi e quindi di morti per COVID in Italia è ben lontano da quello dichiarato!

Lo studio dell’ISPI https://bit.ly/34L1uoU (secondo grafico) dimostra che il numero di casi positivi potrebbe essere 10 VOLTE superiore a quello dichiarato. Per questo motivo non si può assolutamente parlare di dati REALI ma solo PROBABILI.

Quindi se i casi in Germania sono molto vicini ai dati reali (fanno mediamente il doppio dei tamponi giornalieri che facciamo noi), ovvero sono PLAUSIBILI, quelli italiani no pertanto la corrispondenza tra dati previsioni e “reali” non sarebbe minimamente verificata.

Mi spiace per lo squadrone di cervelli ma la loro previsione è totalmente fallata se partono dall’assunto che i dati dichiarati siano dati reali.

E uscirsene ora dicendo che non serviva a nulla chiudersi in casa per 50 giorni mi sembra decisamente da irresponsabili. #RESTIAMOACASA

ISPI - Casi di Covid attivi plausibili in Italia

Lascia un Commento