Home » Brescia » Nomine Gesi, i partiti si spartiscono poltrone e lauti stipendi

Nomine Gesi, i partiti si spartiscono poltrone e lauti stipendi

GESI – ALER BRESCIA, quello che temevamo si sta avverando: la spartizione di poltrone e relativi lauti stipendi tra i partiti che della Regione Lombardia hanno fatto “cosa loro”.

L’accesso agli atti sulle procedure di selezione della dirigenza della società GESI, controllata da Aler Brescia, è stato fatto dal sottoscritto su una segnalazione specifica.

Il problema è sempre lo stesso: le nomine dei componenti dei consigli di amministrazione/gestione di enti, controllate e partecipate è un poltronificio legalizzato.

Poltronificio” perché ci finiscono sempre e solo personaggi che bene o male hanno giurato fedeltà ad un partito, guarda caso quello al potere.

Legalizzato” perché la legge consente questa porcata.

Al diavolo la meritocrazia, le competenze, le esperienze maturate sul campo, qua conta solo quanti voti hai portato al partito e quanti riuscirai a garantirne in futuro.

GESI se la spartiranno Lega, Forza Italia e sicuramente il PD che vorrà anche lui mangiare nella mangiatoia degli stipendi pubblici e io, voi, noi semplici cittadini non potremo fare nulla perché tutto ciò è perfettamente LEGALE.

Se veramente si cercherà una mediazione, non dovrà essere per “accontentare tutte le parti” ma dovrà essere finalizzata per individuare il MIGLIORE profilo professionale per ricoprire quel ruolo. Altrimenti tanto vale estrarre a sorte di dirigenti della Pubblica Amministrazione, sicuramente “a caso” si farà meglio che “su raccomandazione”.

Lascia un Commento